top of page

Serie D: disastro bianconero, imperativo riscattarsi!



Gara surreale oggi al Riboli, dopo un buon avvio dei bianconeri con l'incornata di Profumo all'8' fuori di poco e la conclusione di Cantatore sull'esterno della rete al 15' la Folgore si affaccia nella metà campo avversaria solo al 17' con la conclusione di Silvestri che viene però respinta dalla difesa lavagnese.

Due minuti dopo sugli sviluppi di un calcio d'angolo Queirolo strattona ingenuamente Ngom, Marchioni da due passi ravvede la massima punizione e concede il rigore che lo stesso Ngom trasforma. La Lavagnese reagisce e nonostante le pesanti assenze di Alluci, Basso, Buongiorno e Rovido prova a costruire qualche trama di gioco con Addiego Mobilio. Al 26' Cantatore viene ammonito per un banale intervento di gioco a centrocampo, due minuti più tardi il fischietto della sezione di Rieti decide di essere protagonista ed espelle direttamente Cantatore reo di aver dialogato con il proprio compagno di squadra Profumo! I bianconeri già in difficoltà sono costretti così a stravolgere l'assetto di gioco trasformando il proprio 4-3-3 in un 4-2-3 e la Folgore trova ampi spazi, al 39' infatti Kaziewicz sguscia sulla destra, dialoga con un compagno e serve in mezzo Troiano che svetta sui difensori bianconeri e complice il debole accenno di uscita di Boschini insacca per il 2-0. La Lavagnese è frastornata e l'unico accenno di conclusione è quello di Addiego Mobilio al 45' che si perde sul fondo.

La ripresa inizia col doppio cambio bianconero, escono infatti Bei e Profumo per Orlando e Di Vittorio ma il copione non cambia, la Folgore preme sull'acceleratore e al 48' Marchioni non ravvede un fallo su Tripoli sui 30 metri bianconeri, Silvestro conduce palla in area, un rimpallo serve Ngom il quale non sbaglia incrociando nell'angolino opposto il 3-0 caratese.

Al 53' Bacigalupo rileva Addiego Mobilio e due minuti dopo Rossini prova la conclusione ma il suo tiro viene rimpallato da un difensore ospite.

Al 56' calcio d'angolo per la Folgore, dormita difensiva e Monticone insacca di testa la quarta rete, quindi tourbillon di cambi con la Lavagnese che inserisce Perasso e Di Lisi per Tripoli e Queirolo e la Folgore che inserisce Paoluzzi, Marconi, D'Antoni e Nifosi al posto di Silvestri, Derosa, Ngom e Ciko.

All'80' però la Folgore passa per la quinta volta, Avellino perde palla davanti l'area bianconera, Valagussa penetra in area e dalla sinistra serve D'Antoni che sul dischetto anticipa tutti insaccando per il definitivo e pesantissimo 0-5. Ancora il tempo per l'ingresso in campo di Buono all'87' sul neo acquisto Kaziewicz giunto ai brianzoli in prestito dalla Lazio e la gara termina senza recupero.

Imperativo dimenticare in fretta il capitombolo di oggi e pensare alle due importantissime gare della settimana, mercoledì a Vado e domenica al Riboli con il Fossano. Intanto mercoledì non ci sarà Cantatore squalificato ma rientreranno Alluci, Basso e si spera Rovido e Buongiorno.

Con molto piacere intanto oggi è rientrato alla base D'Orsi pronto per la ripresa degli allenamenti in gruppo dopo lo stop forzato per la frattura di una mano.


LAVAGNESE: Boschini, Oneto, Profumo (46' Orlando), Avellino, Rossini, Queirolo (79' Di Lisi), Cantatore, Romanengo, Tripoli (59' Perasso), Bei (46' Di Vittorio), Addiego Mobilio (53' Bacigalupo).

A disposizione Bova, Bagnato, Ozuna mejia, Rovido. All. Gianni Nucera.

FOLGORE CARATESE : Pizzella, Bini, Ciko (81' Nifosi), Monticone, Ngom (75' D'Antoni), Silvestri (59' Paoluzzi), Valagussa, Troiano, Kaziewicz (87' Buono), Di Stefano, Derosa (65' Marconi).

A disposizione Castaldo, Marini, Schiavina, Cacciatori. All. Emilio Longo.


Arbitro: Marco Marchioni di Rieti.

Assistenti: Nicola Di Meo di Nichelino e Roberto Palermo di Pisa.

Ammoniti al 26' Cantatore, al 54' Silvestri, al 65' Bini.

Espulso al 28' Cantatore.

Possesso palla 46 - 54 %

Tiri (in porta) Lavagnese 4 (1) - Folgore Caratese 8 (7).

Calci d'angolo 0 - 2.

Falli commessi 10 - 14.

Reti: 18' Ngom su rigore, 39' Troiano, 48' Ngom, 56' Monticone, 80' D'Antoni.



210 visualizzazioni0 commenti
bottom of page