Serie D : primo tempo da favola ma senza gol, poi rimonta in extremis.



Secondo 1-1 in rimonta consecutivo per la Lavagnese. Ieri contro il Borgosesia, come domenica con il Casale: risultato rimediato in extremis dai ragazzi di Luca Tabbiani che, però avrebbe meritato di più. Primo tempo di marca bianconera, nella ripresa meglio i padroni di casa ma la qualità di Basso e la quantità di Casagrande hanno tenuto la Lavagnese sempre viva. È il 4' quando Clausi ruba palla, la sfera arriva a Mitta che scambia con Clausi e quest'ultimo chiama Caruso alla parata in due tempi. Risponde Corsini (11') con un tiro alto sulla traversa. Poi al 13' Oneto viene clamorosamente cinturato in area da Picone suscitando le proteste di capitan Avellino e compagni. Dopo una fase senza grandi emozioni, Fonjock (25') da ottima posizione calcia in diagonale, Sangalli con i piedi, si salva in angolo. Due minuti più tardi, Oneto ruba palla e dal limite calcia, trovando l'opposizione di un difensore locale. L'estremo difensore granata, si ripete al 31' quando in tuffo, devia il diagonale di Casagrande. I granata, ci riprovano con Clausi (34') che non inquadra lo specchio della porta. Poco dopo Cirrincione deve abbandonare il campo per un guaio muscolare, il primo cambio vede così entrare in campo al suo posto Basso. Sul fronte offensivo (36'), Casagrande incorna alto di poco e Purro (45') calcia forte ma troppo alto. Nel secondo tempo, i granata sbloccano subito la gara. Angolo dalla destra di Panatti, in mezzo svetta Mitta che segna il vantaggio valsesiano. Al 58' la seconda sostituzione per i bianconeri, Conti rileva Di Pietro. A ridosso del quarto d'ora, prima Ollio si inserisce bene ma mette a lato, il tiro a giro di Panatti termina fuori, mentre finisce centrale la conclusione di Mitta. I bianconeri si fanno vivi con Basso, nessun problema per Sangalli. Al 20' un pallone messo in mezzo da Castelletto, attraversa l'area ma nessun granata arriva all'impatto. Al 65' il primo cambio per i padroni di casa con Pagliaro che va a sostituire l'esausto Panatti. Poi al 69' Basso s'incunea tra le gambe locali e cade in area ma per Monesi di Crotone in modo volontario rimediando così un cartellino giallo. Al 75' Romanengo per Queirolo e all'81' Sekka per Ollio e Alluci per Fonjock chiudono il discorso cambi. All'85' arriva la doccia fredda per i valsesiani. Un pasticcio difensivo regala il pallone a Basso che insacca con uno splendido tiro a giro il meritato pareggio. All'87' una ghiotta occasione capita sui piedi a Corsini ma il dieci bianconero la spedisce fuori di poco. In pieno recupero, Caruso compie un super intervento sul tiro rimpallato di Silvestri. Per la Lavagnese, è il quarto risultato utile consecutivo. Domenica, terza partita in otto giorni, al Riboli arriva il Ligorna, per uno dei tanti derby liguri del girone.

BORGOSESIA - Sangalli, Silvestri, Iannacone, Clausi, Picone Chiodo, Saltarelli, Ollio (81' Sekka), Castelletto, Mitta, Panatti (67' Pagliaro), Pedrabissi.

A disposizione Vescio, Rudi, Staccotto, Dalmasso, Colombo, Beretta, Conti M. All. Marco Didu.

LAVAGNESE - Caruso, Casagrande, Queirolo (75' Romanengo), Avellino, Fonjock (81' Alluci), Tos, Cirrincione (34' Basso), Di Pietro (58' Conti G.), Oneto, Corsini, Purro.

A disposizione Nassano, Bacigalupo, Ranieri, Gnecchi, Martino. All. Luca Tabbiani.

Arbitro Signor Antonio Monesi di Crotone.

Assistenti Signori Francesco Grande di Bologna e Alberto Amoroso di Piacenza.

Ammoniti Castelletto e Pedrabissi (B) - Caruso, Romanengo e Basso (L).

Possesso palla 68 - 62 %

Tiri (in porta) Borgosesia 7(5) - Lavagnese 10(8).

Calci d'angolo 4 - 10.

Falli commessi 18 - 18.

Reti: 46' Mitta - 85' Basso.

#seried #primasquadra

0 visualizzazioni
LOGO USD LAVAGNESE 1919

       USD LAVAGNESE 1919

            Via Edoardo Riboli 55

            16033 - Lavagna (GE)

          P.IVA 00208350991